ZAR 130 Imagine è il maxi-gommone muscoloso da 50 nodi – TEST

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento a Barche a Motore cartaceo + digitale e a soli 39 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

ZAR Imagine 130
ZAR Imagine 130

La nuova ammiraglia di ZAR, in coppia con due V8 da 600 Cv Mercury, regala grandi emozioni, ma anche una bella sensazione di sicurezza. Abbiamo avuto modo di testarlo in condizioni “vere”. Ecco com’è andata.

ZAR Imagine 130

Si tratta di un maxi rib di oltre tredici metri di lunghezza e assolutamente fedele alla filosofia progettuale del cantiere di Motta Visconti: non è infatti una tradizionale barca in vetroresina, ma non è neanche un “normale” battello pneumatico.

È, semplicemente, uno ZAR. A contraddistinguerlo è prima di tutto l’avere il primo terzo, quello dei masconi di prua, rigido, in fibra di vetro. In secondo luogo, sotto la linea di galleggiamento fanno egregiamente il loro lavoro le elaborate linee d’acqua tracciate da Francesco Ambrosini (V di prua di prua profonda, cavallino molto accentuato, tre step e pattini di sostentamento). Infine, il design, affidato a Carlos Vidal, è molto pulito, ma sofisticato. Richiama da vicino il mondo dei superyacht.

ZAR Imagine 130 – Coperta

Il piano di coperta dell’ammiraglia Zar è estremamente funzionale, in particolare ho apprezzato a poppa il bel disegno del grande prendisole di poppa (sotto di lui è stato ricavato lo spazio per un tender da 180 cm, un plus che solo questo rib di 13 può vantare) con il passaggio centrale in teak che crea una perfetta connessione tra l’area bagno, le plancette ai lati dei motori, e il pozzetto. Questo è ben protetto dal sole dal Top in carbonio ed è attrezzato con un doppio tavolino e il divano che fronteggia la cucina, collocata nella classica posizione alle spalle della tripla postazione di guida.

Mi è piaciuta in modo particolare la zona di prua dove la scelta di avere l’ancora a scomparsa (esce dal dritto di prua) libera una grande superficie vivibile con un prendisole/divano orientato fronte marcia e un secondo divanetto che invece guarda verso poppa (da sottolineare i solidi tientibene ben posizionati anche in quest’area).


Arriviamo ora agli interni, dove lo spazio regina è sicuramente la grande cabina di prua che gode di buone altezze e molta luminosità. Il bagno è decisamente voluminoso, con il box doccia separato. La seconda cabina è separata da un portello scorrevole ed è a poppa sotto il pozzetto.

Vista la collocazione è necessariamente meno spaziosa (soprattutto in termini di altezza) di quella di prua, ma comunque abitabile e perfetta per i più giovani membri dell’equipaggio.

ZAR Imagine 130 – Test

Una giornata certamente poco adatta ad andar per mare, anche solo per fare un semplice giretto in barca. Condizioni, però, ideali per testare a fondo le caratteristiche di un’imbarcazione, e in primo luogo della sua carena. È quello che ho potuto fare in una plumbea mattina ligure con un teso e fastidioso scirocco che alzava circa un metro e mezzo d’onda provando l’ammiraglia di Zar Formenti, l’Imagine 130. A poppa una coppia di Mercury V12 da 600 CV. In condizioni così impegnative ho potuto subito apprezzare l’ottimo disegno di parabrezza e T-Top in carbonio che proteggono non solo chi è ai comandi, ma anche chi è dietro in pozzetto; bene anche la comoda tripla postazione di guida che, anche saltando sulle onde, offre un appoggio sicuro nelle due configurazioni da seduti o in piedi; ottima poi la leggibilità degli strumenti nonostante la navigazione “agitata” che abbiamo dovuto affrontare grazie ai due grandi monitor da 17’’ di Garmin.

Al timone l’Imagine 130 risponde in maniera sorprendentemente agile, l’interazione con i due V12 americani è ottima. Questi hanno tanta coppia già in basso, oltre a portare in dote eliche controrotanti e i piedi pivottanti, non solidali con la testata e la parte alta del propulsore. Il risultato è una grande reattività ai comandi, quanto mai utile quando bisogna lavorare molto sulle onde per cercare il miglior assetto. Nel corso del nostro test abbiamo toccato i 49 nodi, per poco ad essere sinceri, ma comunque un dato impressionate registrato in condizioni in cui ad esser saggi si poteva anche restare in porto. La velocità di crociera, sempre in relazione alla situazione, si attesta sui 34 nodi, con un consumo di 5,9 litri/miglio.

Numeri a parte mi piace però sottolineare ancora il notevole senso di controllo e sicurezza che l’interazione tra barca e motori mi ha trasmesso. Un battello (ops, uno ZAR) decisamente molto centrato. Non lo abbiamo potuto provare in conazioni ideali per testare la massima velocità possibile, sul piatto e scarichi, ma i 57 nodi dichiarati dal cantiere non sembrano fantascienza, anzi.

Scheda tecnica: ZAR Imagine 130

Lunghezza f.t.: 13 m
Larghezza f.t.: 4.57 m
Diam. tub.: 76 cm
Compartimenti: 8
Portata persone n.: 18 (Cat.C.)
Portata persone n.: 12 (Cat.B)
Potenza massima: 1.300 Hp
Serbatoio benzina: 1.150 l
Serbatoio acqua: 300 l
Certificazione: B / C
Contatti: www.zar-formenti.net

Dati di navigazione: ZAR Imagine 130

RPM Kn l/h
600 3,4 11
1000 5,3 16
1.500 6,6 24
2.000 8,5 40
2.500 9,7 56
3.000 13,6 80
3.500 23,4 140
4.000 28,1 170
4.500 34,1 200
5.000 40,5 250
5.500 45,3 360
6.000 49,8 380

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Sei già abbonato?

Iscriviti alla nostra Newsletter

Entra nel Club del Giornale della Vela

Le barche a motore, le sue storie, dal piccolo open ai motoryacht. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevere ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”.

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

Torna su