Addio crisi, il Salone di Genova rischia già il sold-out

Pare che l’edizione del 2019 del Salone Nautico Internazionale di Genova (19-24 settembre) sia già un successo. Al punto che, ad oggi, l’organizzazione si ritrova a dover gestire il surplus di richieste a fronte dello spazio disponibile. Genova tornerà ad essere la vera “città della nautica” in grado di valorizzare quello che è già la fiera di settore più grande del Mediterraneo? Una sola certezza: la crisi, quella che dal 2008 colpì fortemente il mercato nautico, è – per fortuna – soltanto un ricordo.

“La macchina organizzativa del Salone Nautico è in anticipo del 26% rispetto allo scorso, un dato che conferma che le aziende hanno già programmato dallo scorso anno la partecipazione al Nautico, piattaforma irrinunciabile per lo sviluppo del business”, dichiara Alessandro Campagna, Direttore Commerciale del Salone Nautico, in occasione della presentazione milanese della kermesse .“Possiamo dire di essere già arrivati al 100% del target prefissato”.

Il denominatore comune dell’edizione 2019 del Salone Nautico è rappresentato dalla richiesta di maggior spazio espositivo: nel panorama di yacht e superyacht assistiamo ad un incremento del 28%, con una tendenza maggiore su open e fly; aumenta del 48% la domanda per la vela, sia per quanto riguarda gli entry level sia sul top di gamma, la cui dimensione aumenta ancora (fino a 70/80 piedi).

Cresce del 73% la richiesta nel settore dei fuoribordo, dato che rispecchia le ottime performance di questo comparto. Le richieste del mondo degli accessori crescono, anch’esse, del 35%. Nell’insieme il 48% di questo incremento proviene dall’estero.

“In termini di brand esposti, ad oggi possiamo crescere solamente del 3%”, continua Campagna, “abbiamo già dovuto individuare nuove soluzioni tecniche per far fronte all’aumento delle richieste, dall’estensione dei pontili, all’ottimizzazione di alcune aree all’aperto”. Resta ferma l’intenzione, per il futuro (non per questa edizione), del recupero del padiglione S (ex-palasport) e si è parlato anche dell’ipotesi futura relativa al coinvolgimento del Porto Antico come spazio “dentro la città”.

Alla presentazione, presso la sede de Il Sole 24 Ore, sono intervenuti il Presidente de Il Sole 24 Ore, Edoardo Garrone, il Sindaco di Genova, Marco Bucci, il Presidente della Regione Liguria, Giovanni Toti e il Presidente uscente di UCINA Confindustria Nautica, Carla Demaria. Proprio la Demaria ha fotografato la situazione globale del mercato nautico: in ascesa Europa (con l’eccezione di Regno Unito, causa incertezze della Brexit e Turchia, per la situazione politica instabile), Stati Uniti, Hong Kong, Australia, stazionari gli altri mercati “chiave” (Cina, Brasile, Argentina…). In Italia l’industria nautica sta vivendo una situazione di crescita molto simile a quella del periodo 2000-2004 (quella che portò al quadriennio d’oro della nautica 2005-2008).

https://salonenautico.com

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Sei già abbonato?

In evidenza

Può interessarti anche

La poppa di BACI, Riva Aquarama 194

Vendono all’asta questo Riva Aquarama del 1967

Lunedì 9 gennaio il tribunale di Como bandirà all’asta BACI, un Riva Aquarama, vera e propria icona del design e dell’eccellenza della nautica italiana. Lanciato nel 1962 dal Cantiere di Sarnico, che quest’anno ha compiuto 180 anni – celebrati con

Brabus Shadow 300 Edition One

8 unmissable

It\’s summer and sea time and there is a kind of boat that is extremely popular at the moment. Open, walk-around or even cabin boats, but not only. Some call them adventure boats and they echo the \”Scandinavian\” design that

Torna su