Propspeed. Così proteggi le eliche, il trasduttore e le luci dalle incrostazioni

Questa tecnologia protegge eliche da alghe e incrostazioni. Si chiama Propspeed
Eliche timoni e flap con applicazione Propspeed

Ci sono parti dell’imbarcazione dove la normale antivegetativa non basta o non funziona. Pensiamo alle eliche oppure alle luci subacquee. E il trasduttore? Magari dopo aver speso migliaia di euro per un’elettronica in grado di essere precisa al massimo, si esce in acqua dopo qualche mese senza usare la barca e lo strumento lavora male. C’è, però, un’azienda neozelandese che ha sviluppato vari prodotti capaci di rispondere a queste esigenze. Stiamo parlando di Propspeed International, i cui prodotti da giugno 2022 sono distribuiti in Italia in esclusiva da CMP Group S.r.l.  

Di fatto i prodotti che CMP aggiunge all’offerta sono tre: Propspeed per eliche, timoni, assi e metalli immersi, Foulfree per i trasduttori e Lightspeed per le luci subacquee.

Propspeed: eliche lisce, barca più efficiente!

La collaborazione tra CMP e Propspeed nasce dal desiderio dei due CEO delle rispettive aziende che condividono una stessa visione della nautica.

CMP Group è il partner ideale – ha dichiarato Chris Baird, CEO di Propspeed – per distribuire i nostri prodotti sul mercato italiano. Inoltre, combinare il nostro impegno di – proteggere i beni subacquei – con quello di uno dei maggiori produttori di anodi sacrificali al mondo, ha un perfetto valore commerciale. Siamo determinati ad aumentare il nostro business nel mercato italiano”.

“I prodotti Propspeed si sposano perfettamente con i nostri marchi, sia come posizionamento top di gamma, sia come campo di applicazione, come i nostri anodi Martyr –  ha detto Don Hambly, CEO del gruppo CMP – Propspeed e gli anodi Martyr sono perfetti per proteggere insieme le navi dalla corrosione. Siamo sicuri che insieme forniremo ai nostri clienti le migliori soluzioni per soddisfare le loro esigenze senza danneggiare l’ambiente”.

Il marchio di punta è Propspeed che nasce con l’obiettivo di proteggere eliche, timoni, assi e metalli immersi anche combinazione con anodi sacrificali così da garantire anche una protezione dalla corrosione. Come funziona? Di fatto ha come caratteristica la creazione di un legame chimico e meccanico estremamente forte, che nasce dall’applicazione dell’Etching Primer e del Clear Coat. Questa superficie è estremamente liscia, ma priva di biocidi, e quindi nessun organismo incrostante è capace di aderire. Il vantaggio in termini di performance è misurabile.

“Una ricerca ha dimostrato che avere eliche – spieg Matt Forbes, direttore commerciale EMEA di Propspeed – con anche soli 16.6 micrometri di ruvidezza può portare ad una perdita di efficienza fino al 5%. I proprietari che hanno applicato Propspeed hanno riscontrato un risparmio fino a 7 litri / ora, e tre nodi in più ai giri standard, risultati che restano costanti per tutta la stagione.”

Propspeed International, non solo le eliche

Come anticipato esistono altri due prodotti più specifici, ma altrettanto efficaci rispetto a quello per eliche, timoni,ecc. Il primo è Foulfree, specifico per i trasduttori delle imbarcazioni, in particolare da pesca, ma non solo, e Lightspeed, studiato appositamente per le luci subacquee.

Per maggiori informazioni la mail è com@cmpgroup.net mentre il sito è cmpgroup.eu 

 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Continua a leggere

Aquila 54 è catamarano (16 m) XL con fino a 10 posti letto

A inserirsi nel vivace mercato dei multiscafo a motore, arriva anche il nuovo Aquila 54 Yacht, un catamarano particolarmente versatile in grado di strizzare l’occhio al mondo dei super-yacht. Frutto del lavoro svolto dall’omonima Aquila Boats, questo 54 piedi è

Queste 5 barche sono perfette per vivere a bordo (da 15 a 20 m)

Il richiamo dei grandi spazi aperti, quell’ideale abbandono delle città e della vita frenetica, sembrerebbe essersi fatto più che mai forte. Sogni e fantasie che sempre più spesso si trasformano in realtà, complici le crescenti opportunità di smart-working e il

Torna su