Prestige 60: test di un 20 metri iconico, il primo Prestige Yachts – Dall’Archivio

Prestige 60
Prestige 60

A cavalcare l’onda delle precedenti e apprezzate Youngtimer – il Continental 50 S, il Rizzardi 55 Incredible e il Mig 43 – ecco che, grazie ai contenuti unici presenti nei nostri archivi, possiamo offrirvi un’altra super-prova, un vero classico, il Prestige 60. Innovativo nel progetto e dallo stile assolutamente iconico, il Prestige 60 fu il primo modello dell’allora neonata Prestige Yachts, classificandosi immediatamente come una barca iconica, ora youngtimer da 5/5 stelle.

Prestige 60 – Il Gigante Buono

Subito apprezzato come un ‘Gigante Buono’, il Prestige 60 lanciò l’omonimo cantiere verso i più alti standard grazie alla bontà di un progetto che puntava sull’equilibrio delle forme e la razionalità degli spazi, piuttosto che mirare a soluzioni estreme o ormai esasperate. II Prestige 60 offre infatti diversi spunti conviviali abbinati ad arredi di grande qualità, utilizzando materiali pregiati e finiture ben curate, garantendo innanzitutto un comfort di alta fascia. Ma, rimanendo comunque un’imbarcazione figlia di un’industria nautica usa a “sfornare” migliaia di barche all’anno, non fu un progetto totalmente custom, mantenendone così più ‘umani’ i costi e virtualmente aprendo la linea ad un più ampio mercato.

Prestige 60
Prestige 60

Prestige 60 – Progetto ed Esterni

Per il Prestige 60, propria ‘prima’ sul mercato, il cantiere non risparmiò nulla sul fronte della ricerca e del design, affidandosi al ‘guru’ delle carene, Michael Peters per le linee d’acqua e allo studio Garroni Design per gli interni. Il lavoro di team, unitamente allo studio tecnico interno, ha sviluppato così un progetto volutamente classico nelle forme e nel gusto dell’arredamento, senza però rinunciare a concetti nuovi e ricercati, soprattutto nella distribuzione degli spazi. La grande finestratura della sovrastruttura è forse l’elemento che più si nota, sia guardando dall’esterno, sia ritrovandosi all’interno del living. Ma anche lo scafo si fregia di vetrate molto accentuate e quasi continue, che danno molta luce agli ambienti sottocoperta.

Prestige 60

Partendo dagli spazi esterni e dalla coperta, sicuramente uno dei punti forti del Prestige 60 è la vivibilità e fruibilità degli spazi. II pozzetto, ben protetto da murate abbastanza alte, si presenta con un divano orientato fronte marcia e un bel tavolo con struttura fissa, mentre zone di manovra ai lati sono abbastanza distanti e ben organizzate con dei vani per riporre le cime.

Prestige 60 Pozzetto
Prestige 60 – Pozzetto

La tuga di prua offre un ampio spazio prendisole e due pratiche chaise longue ribaltabili e incassate nella coperta, mentre sempre ben distribuito e finemente arredato è il fly, con pagliolato in teak, grande divano a L verso poppa, consolle centrale con mobile attrezzato e prendisole a tutta larghezza ben riparato e protetto dal parabrezza. In coperta sono ben sfruttati anche gli spazi, con molti vani e gavoni per riporre attrezzature personali e i parabordi. L’autogonfiabile ha il proprio alloggio, facilmente raggiungibile, sul fly.

Prestige 60 Fly
Prestige 60 – Fly

Prestige 60 – Interni

Spostandosi al chiuso, la zona living ha innanzitutto un notevole impatto visivo grazie al bell’arredo costituito da due divani e due poltrone disposti alternativamente su ogni lato della sala. La dinette resta sulla sinistra, sulla stessa murata della pratica cucina, che risulta un po’ defilata, ma che vanta un accesso diretto anche dal pozzetto. La plancia di comando, ben distribuita e logica nella sua strumentazione, che è completa e ben leggibile, ha una doppia seduta regolabile elettricamente e con la possibilità di ribaltare una porzione per la guida in piedi con supporto lombare.

Prestige 60 Salone
Prestige 60 – Salone

La suddivisione della zona notte prevede poi tre cabine doppie con bagno privato. L’armatoriale a centro barca si trova su un livello inferiore e sfrutta tutta la larghezza della carena, mentre la Vip interessa tutta la zona di prua. Assolutamente di prim’ordine i materiali e i componenti utilizzati per gli arredi, dalla pelle di rivestimento, alle essenze dei legni che ornano le cabine. Anche gli accessori a corredo sono di buona fattura e applicati con cura senza sbavature e accoppiamenti mal riusciti. La cabina ospiti, che in configurazione standard è a letti separati, può essere convertita in letto matrimoniale unico. Di rilievo è infine l’alloggio “marinaio” a poppa, che non si tratta del solito spazio di fortuna ricavato con un po’ di magheggi, ma una vera e propria cabina a due letti dotata di un discreto bagno.

Prestige 60 Cabina Matrimoniale
Prestige 60 – Cabina Matrimoniale

Prestige 60 – Costruzione e Impiantistica

In termini di produzione, la laminazione prevede materiali piuttosto comuni, come la fibra di vetro e la resina poliestere, anche se la tecnologia utilizzata per realizzare i manufatti è quella dello stratificato a sandwich tramite infusione. Con questo metodo, si riesce comunque a ottenere un buon manufatto in termini di rigidità, preservando un po’ di peso, dato che l’infusione consente di mantenere un giusto rapporto tra fibra e matrice. La struttura viene realizzata fuori opera su stampo apposito e successivamente incollata allo scafo. Lo stesso viene fatto per le paratie, di cui quelle strutturali sono resinate perimetralmente. La maggior parte delle strutture degli arredi sono realizzate tramite la tecnica del controstampo.

Prestige 60 – Pianetti

Assolutamente di ottima fattura risultano poi gli impianti originali, realizzati con materiali di qualità e curati in ogni dettaglio, dal fissaggio alla identificazione tramite adesivi e targhette di ogni elemento. La sala macchine risulta ben organizzata con aree ben definite e pannelli stagni per il materiale elettrico e di sicurezza dell’impianto. Molto buona la riserva di carburante di 2800 litri (sopra la media per motori di questa potenza) e anche quella di acqua dolce che vanta ben due boiler elettrici di 60 litri ciascuno e scambiatore di calore con circuito dei motori.

Prestige 60 – Sala Macchine

Ovviamente sono previste le casse di raccolta delle acque reflue con due serbatoi di 200 e 120 litri e delle acque nere, con un impianto di smaltimento integrato e cassa di raccolta da 150 litri. L’elettricità a bordo è a 24 volts, distribuita con ben 4 gruppi di batterie separati: servizi, motori, elica di prua e generatore (quest’ultima a 12 volts). Tre sono i caricabatterie, due per la tensione a 24 e uno per quella a 12 volts. L’impianto di aria condizionata (ed eventualmente ri-scaldamento) proposto come optional comporta la maggiorazione del gruppo elettrogeno da 11 a ben 17,5 chilowatt. Con un generatore di così elevata potenza, è quasi d’obbligo installare a bordo anche la lavapiatti e la lavatrice.

Prestige 60 – Foto della cucina, particolarmente completa di ogni accessorio

Prestige 60 – Motorizzazione e Performance

Spostando l’attenzione sul fronte propulsivo, la motorizzazione originale prevista si compone di Volvo Penta IPS 900 con propulsori di 700 cavalli ciascuno. Per ragioni progettuali (ricavare la cabina del marinaio) i propulsori sono distanziati dalle trasmissioni IPS tramite un giunto cardanico. La potenza e la spinta fornita dai motori appare fin da subito adeguata per lo scafo che, certo non studiato per performance velocistiche, fa comunque il suo buon lavoro. Niente male è infatti la carena del progettista americano, nonostante il dislocamento non proprio leggero, la planata si raggiunge infatti in 10 secondi e la si può mantenere sino a un minimo di 14,7 nodi a un regime di 1600 rpm. L’assetto sotto i 20 nodi resta un po’ appoppato, ma appena oltre si stende invece senza nemmeno usare i flap.

Prestige 60 – Dati della Originali della Prova

Sebbene un po’ lenta nei cambi di direzione repentini, la barca non risulta brusca e mantiene la virata in modo costante senza perdere velocità, anche nelle virate più strette. Molto buona anche la manovrabilità all’ormeggio, grazie al joystick fornito di serie da Volvo Penta, the consente di spostarsi in tutte le direzioni e ruotare su se stessi in poche decine di secondi.

Prestige 60 in planata

Prestige 60 – Scheda Tecnica

Lunghezza Fuori Tutto (LOA) 19.50 m
Lunghezza Scafo (LOH) 17.30 m
Baglio Massimo 5.10 m
Pescaggio 1.32 m
Dislocamento a Vuoto 23.6 t
Motorizzazione Massima 2x Volvo Penta 700 cv IPS 900
Serbatoi Carburante 2800 L
Serbatoi Acqua Dolce 800 L
Posti Letto 6 + 2
Portata Persone 14
Cantiere Prestige Yachts


NAVIGA INFORMATO!

Per rimanere aggiornato su tutte le news sulla nautica, selezionate dalla nostra redazione, iscriviti alla newsletter di Barche a motore! Basta cliccare il link qui sotto, accettare la Privacy Policy e cliccare sul bottone “Iscrivimi”. Riceverai così sulla tua mail, due volte alla settimana, le migliori notizie di barche a motore! È gratis e ti puoi disiscrivere in qualsiasi momento, senza impegno! CLICCA QUI



 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Sei già abbonato?

In evidenza

Può interessarti anche

Levanzo 25 Lilybaeum - Coperta

Sette accessori per migliorare la coperta della tua barca

Migliori accessori 2023 – Sette idee da avere in barca per rinnovare la coperta Sette accessori furbi con cui rivoluzionare la vita in coperta, semplificando le operazioni a bordo non solo durante la crociera. Con questi accessori state certi che

Honda Marine fuoribordo

Honda Marine svela il suo motore fuoribordo 100% elettrico

L’elettrificazione è ormai centrale anche nella nautica e Honda Marine ora svela il suo concept per un fuoribordo elettrico al 100%. Stiamo parlando di un piccolo motore adatto, ad esempio, ad un tender che poggerà sulla tecnologia dell’azienda giapponese. Il background

Torna su