Questa è Pilar, la leggendaria barca da pesca di Hemingway

pilar hemingway
Fonte immagine: wheeleryachts.com

Se camminate nei pressi della vecchia casa di Ernest Hemingway, a Cuba, vicino all’Avana, troverete un museo a lui dedicato e all’interno la mitica Pilar, la barca che lo scrittore si fece costruire nel 1934 dal cantiere Wheeler.

Pilar, la barca da pesca di Hemingway

La leggenda narra che Hemingway fosse molto legato a questo scafo, tanto che Pilar fu la sua unica barca da pesca. In realtà fu molto più che questo, dal momento che nelle sue navigazioni ed esperienze legate a questo 28 piedi lo scrittore trovò lo spunto per scrivere vari racconti, non ultimo il celebre “Il vecchio e il mare”, ispirato al periodo in cui la barca era attraccata a Cojimar, un piccolo villaggio di pescatori a est dell’Avana.

Tutto comunque era iniziato nel 1934, quando Ernest Hemingway si fermò a New York per partecipare ad alcuni incontri. Fu cruciale quello con l’editore e co-fondatore di Esquire, Arnold Gingrich, da cui Hemingway ottenne un anticipo di 3300 dollari per alcuni racconti. Hemingway, allora trentacinquenne, si recò dal cantiere Wheeler, a Coney Island, e utilizzò il denaro come anticipo per avviare la costruzione del Pilar, yacht in legno di circa 12 metri. Il costo finale della barca fu di circa 7500 dollari e una volta finita fu portata a Key West e battezzato Pilar. Il nome ha un duplice significato: da una parte è il nome dell’eroina di Per chi suona la campana, ma anche il soprannome dell’allora moglie Pauline.

La base era data dal Playmate, tra i modelli di punta di Wheeler, e in produzione tra il 1920 e il 1939. Hemingway lo fece adattare con l’aggiunta di un flybridge, una vasca del vivo ed altri accorgimenti per la pesca. Inoltre lo fece dotare di serbatoi più capienti, così da poter avere più autonomia di navigazione.

A spingere lo scafo c’erano due motori. Uno, il principale, era un  Chrysler “Crown Marine” montanto centralmente, mentre per la traina c’era un secondo motore da 40 cavalli.

La barca di Hemingway? La costruiscono (di nuovo)!

Dal 2021 il Wheeler 38 è tornato sul mercato e il motivo è particolare. Andy Garcia, attore, e Hilary Hemingway, nipote dello scrittore, si stavano dedicando ad un progetto cinematografico appunto su Hemingway e sul suo rapporto con il marinaio Gregorio Fuentes. Divenne necessario a quel punto dotarsi di uno scafo come il Pilar, dal momento che l’originale non può lasciare il museo in cui è posizionata e probabilmente non sarebbe in condizioni di navigare. Si rivolsero così al nipote di Howard Wheeler, costruttore del Pilar, per cercare una soluzione. Prese le misure dell’originale sono iniziati i lavori e oggi è possibile acquistare la replica fedele, ma aggiornata, di quella barca mitica. Per chi ama le classiche una vera chicca.


NAVIGA INFORMATO!

Per rimanere aggiornato su tutte le news sulla nautica, selezionate dalla nostra redazione, iscriviti alla newsletter di Barche a motore! Basta cliccare il link qui sotto, accettare la Privacy Policy e cliccare sul bottone “Iscrivimi”. Riceverai così sulla tua mail, due volte alla settimana, le migliori notizie di barche a motore! È gratis e ti puoi disiscrivere in qualsiasi momento, senza impegno! CLICCA QUI

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Sei già abbonato?

In evidenza

Può interessarti anche

Levanzo 25 Lilybaeum - Coperta

Sette accessori per migliorare la coperta della tua barca

Migliori accessori 2023 – Sette idee da avere in barca per rinnovare la coperta Sette accessori furbi con cui rivoluzionare la vita in coperta, semplificando le operazioni a bordo non solo durante la crociera. Con questi accessori state certi che

Honda Marine fuoribordo

Honda Marine svela il suo motore fuoribordo 100% elettrico

L’elettrificazione è ormai centrale anche nella nautica e Honda Marine ora svela il suo concept per un fuoribordo elettrico al 100%. Stiamo parlando di un piccolo motore adatto, ad esempio, ad un tender che poggerà sulla tecnologia dell’azienda giapponese. Il background

Torna su