Monossido in barca: tre consigli che possono salvarti la vita

Negli ultimi dieci anni il MAIB, Marine Accident Investigation Branch, ha indagato su sei incidenti che hanno coinvolto l’avvelenamento da monossido di carbonio che è costato la vita a 10 persone. La maggior parte di questi incidenti si sono verificati a bordo imbarcazioni da diporto. Oltre alla necessità di migliorare la consapevolezza dei sintomi di avvelenamento da monossido di carbonio, le indagini condotte rivelano tre lezioni di sicurezza comuni che vale la pena sottolineare. Ecco quindi i tre consigli del MAIB per prevenire questi incidenti pericolosi e inutili.

Installare un allarme per il monossido di carbonio e assicurarsi che funzioni

Sembra banale, ma è così. Basta un allarme per stare già molto più tranquilli. A causa della natura inodore e incolore del monossido di carbonio, l’installazione di un rilevatore rimane l’unico avvertimento efficace della possibile presenza del gas velenoso. In tutti i casi indagati, gli occupanti delle barche non sono stati avvertiti della presenza di monossido di carbonio o perché non c’era un allarme per il monossido di carbonio o perché quello installato non funzionava

Installare e mantenere correttamente le attrezzature di bordo

Il tragico incidente avvenuto a bordo di una barca su cui il MAIB ha investigato solleva l’importanza di assicurare che le attrezzature o le modifiche alle barche siano intraprese in conformità con le linee guida del produttore. Tutti i lavori critici per la sicurezza sulle barche dovrebbero essere intrapresi da un ingegnere navale competente che utilizza i materiali corretti e tutte le installazioni e modifiche dovrebbero essere adatte allo scopo. Anche un fornello a gas, se non brucia in modo efficiente, può generare abbastanza monossido di carbonio da uccidere. Eshcol era un piccolo peschereccio commerciale, e due membri dell’equipaggio hanno perso la vita a bordo quando hanno lasciato la griglia a gas accesa durante la notte per riscaldare la cabina.

Manutenzione regolare dei motori

Un’indagine del MAIB sull’avvelenamento da monossido di carbonio su un motoscafo ha evidenziato l’importanza della manutenzione regolare del motore di una barca per garantire che rimanga affidabile e sicuro da usare. L’indagine ha scoperto che il motore a bordo del Vasquez non era stato regolarmente revisionato e c’erano prove che il sistema di scarico del motore era stato modificato durante la vita della barca. Questo per ribadire come una corretta e regolare manutenzione sia essenziale per navigare in sicurezza.

In conclusione

In definitiva, l’unico modo in cui i proprietari di barche possono intraprendere azioni potenzialmente salvavita quando sono esposti al monossido di carbonio è essere avvisati della presenza di questo gas velenoso. Gli allarmi per il monossido di carbonio sono facilmente disponibili, poco costosi e semplici da installare.


SCOPRI IL CANALE YOUTUBE DI BARCHE A MOTORE

Interviste, prove di barche, webinar. Tutto il mondo delle barche a motore, minuto per minuto. Ma in video! CLICCA QUI per iscriverti, è gratis!

NON PERDERTI I MIGLIORI ARTICOLI! 

Per rimanere aggiornato su tutte le news sulla nautica, selezionate dalla nostra redazione, iscriviti alla newsletter di Barche a motore! Basta cliccare il link qui sotto, accettare la Privacy Policy e cliccare sul bottone “Iscrivimi”. Riceverai così sulla tua mail, due volte alla settimana, le migliori notizie di barche a motore! È gratis e ti puoi disiscrivere in qualsiasi momento, senza impegno! CLICCA QUI

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Continua a leggere

Aquila 54 è catamarano (16 m) XL con fino a 10 posti letto

A inserirsi nel vivace mercato dei multiscafo a motore, arriva anche il nuovo Aquila 54 Yacht, un catamarano particolarmente versatile in grado di strizzare l’occhio al mondo dei super-yacht. Frutto del lavoro svolto dall’omonima Aquila Boats, questo 54 piedi è

Queste 5 barche sono perfette per vivere a bordo (da 15 a 20 m)

Il richiamo dei grandi spazi aperti, quell’ideale abbandono delle città e della vita frenetica, sembrerebbe essersi fatto più che mai forte. Sogni e fantasie che sempre più spesso si trasformano in realtà, complici le crescenti opportunità di smart-working e il

Torna su