Mimì Libeccio 13.5 Cabin: il gozzo “cruiser” da 30 nodi (con 3 cabine)

Mimì Libeccio 13.5 Cabin
Mimì Libeccio 13.5 Cabin

Quando pensiamo al gozzo, non sempre pensiamo ad una barca veloce e confortevole con cui (per esempio) poter passare anche un weekend fuori con famiglia e amici. La nuova generazione di Gozzi Mimì sta portando elementi nuovi sulla barca classica per eccellenza (ve ne avevamo parlato qui). Il nuovo Mimì Libeccio 13.5 Cabin ha tutte le carte in regola per essere tra le novità più interessanti nel segmento nel 2022.

Mimì Libeccio 13.5 Cabin

L’ultima novità di Gozzi Mimì si chiama Libeccio 13.5 Cabin e nasce dalla collaborazione tra il cantiere e il designer Valerio Rivellini. Non è un modello del tutto nuovo, ma trae la sua origine dallo storico Libeccio 13.5. Le differenze, però, sono tante e importanti. Sono diversi gli elementi che rendono questo gozzo, tra le barche al debutto nel 2022, particolarmente interessante. Certo, la velocità di 30 nodi data da due Yanmar da 370 cavalli non è da sottovalutare.

Mimì Libeccio 13.5 Cabin - Linea
Mimì Libeccio 13.5 Cabin – Linea

Anche la linea di certo contribuisce a dare slancio e attrattiva a questo modello, senza però lasciare dubbi sul suo retroterra. Ma c’è di più. La vivibilità di questo modello (sottocoperta e in coperta) punta ad essere al top sul mercato. Come su tutti i modelli del cantiere il legno utilizzato è il teak massello.  Lo scafo in vetroresina è ottenuto con metodo a infusione. Vediamo in anteprima questo modello, il cui debutto è previsto al Salone Nautico di Genova 2022.

Mimì Libeccio 13.5 Cabin – Coperta

La nuova versione dell’ammiraglia del cantiere partenopeo punta, come anticipato sopra, su una vivibilità eccezionale. Stiamo parlando di un’imbarcazione che può anche essere scelta anche per la crociera (anche su più giorni) con gli amici o la famiglia dati i grandi spazi di cui dispone a bordo. Le linee classiche del gozzo incontrano a partire da poppa una grande piattaforma, con alcuni gradini che conducono al pozzetto. Quest’area, oltre a rappresentare un facile accesso al mare, è anche ideale per godersi da vicino l’acqua.

Mimì Libeccio 13.5 Cabin - Poppa
Mimì Libeccio 13.5 Cabin – Poppa

Muovendosi sulle scale si potrà accedere al pozzetto che dai primi rendering mostra prendisole, un divano con tavolo trasformabile, un mobile bar e verso prua la plancia di comando. Il tutto è protetto da un hard-top con grandi finestrature così da coniugare l’esigenza di uno spazio riparato con la voglia di essere sempre in contatto con il mare. All’esterno, a prua, è previsto un secondo grande prendisole con due sedute nella zona più avanzata.

Mimì Libeccio 13.5 Cabin - Pozzetto
Mimì Libeccio 13.5 Cabin – Pozzetto

Mimì Libeccio 13.5 Cabin – Sottocoperta

Il Libeccio 13.5 Cabin – come spiegano dal cantiere – si rivolge ai diportisti più esperti. Di fatto a bordo sono presenti tre cabine separate (una matrimoniale e due a letti singoli). A bordo sono presenti anche due bagni con doppio ingresso.  

“Il riscontro ottenuto dagli esemplari di maggiore lunghezza – commenta Domenico Senese, Ceo del cantiere partenopeo – sia in Italia sia all’estero, ha confermato il nostro proposito di lanciare una barca in grado di offrire una navigazione sicura ed emozionante da un lato, e di grande comfort dall’altro. Questo modello è perfetto per una famiglia o un gruppo di amici che vuole pernottare a bordo in tutta comodità, grazie a un layout con tre cabine, due bagni e cucina”.

Per avere più informazioni clicca qui

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Continua a leggere

Aquila 54 è catamarano (16 m) XL con fino a 10 posti letto

A inserirsi nel vivace mercato dei multiscafo a motore, arriva anche il nuovo Aquila 54 Yacht, un catamarano particolarmente versatile in grado di strizzare l’occhio al mondo dei super-yacht. Frutto del lavoro svolto dall’omonima Aquila Boats, questo 54 piedi è

Queste 5 barche sono perfette per vivere a bordo (da 15 a 20 m)

Il richiamo dei grandi spazi aperti, quell’ideale abbandono delle città e della vita frenetica, sembrerebbe essersi fatto più che mai forte. Sogni e fantasie che sempre più spesso si trasformano in realtà, complici le crescenti opportunità di smart-working e il

Torna su