L’assalto della Guardia Costiera USA al sottomarino dei narcos – VIDEO

Che la Guardia Costiera degli Stati Uniti d’America sia addestrata a situazione estreme non è una novità. L’ultimo video però ha fatto il giro del mondo. Cos’è successo?

Vuoi vedere le esercitazioni estreme della Guardia Costiera? Clicca qui!

L’equipaggio della Munro, nave pattugliatrice della Guardia Costiera americana nel Pacifico di 127 metri, ha catturato un sottomarino dei narcos che stava trasportando oltre 17.690 kilogrammi di cocaina e 432 kilogrammi di marijuana per un valore complessivo stimato di 569 milioni di dollari, nelle acque internazionali dell’Oceano Pacifico orientale. A bordo dei Long Range Interceptor, barche ad alta velocità in dotazione ai pattugliatori, gli uomini della US Coast Guard si sono dapprima avvicinati al sottomarino.

Dopo aver intimato più volte al sottomarino di fermarsi gli uomini della Guardia Costiera sono balzati sul sottomarino in navigazione e hanno catturato i narcos a bordo e il carico di droga. Guarda il video qui sotto!

https://www.facebook.com/CommandantUSCG/videos/727949434288678/

Scheda tecnica della barca: USCGC Munro (WMSL-755)

  • Lunghezza: 127 m
  • Larghezza: 16 m
  • Pescaggio: 6.9 m
  • Dislocamento: 4,500 long tons (4,600 t)
  • Propulsion:
    Combined diesel and gas
    2 × 7,400 kW (9,900 hp) MTU 20V 1163 diesels
    1 × 22 MW (30,000 hp) LM2500 gas turbine engine
  • Velocità massima: oltre 28 nodi (52 km/h; 32 mph)
  • Raggio: 12.000 miglia nautiche (22,000 km; 14,000 mi)
  • Autonomia: 60 giorni

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Sei già abbonato?

In evidenza

Può interessarti anche

Galeon 440 Fly al boot di Düsseldorf 2023

Galeon presenta al boot di Düsseldorf il nuovo 440 Fly

Galeon Yachts, cantiere polacco, oggi tra i più importanti costruttori al mondo, con oltre 1400 dipendenti e uno stabilimento di 36 000 metri quadri, ha presentato al boot Düsseldorf il suo nuovo 440 Fly. Fondato nel 1982, Galeon consolida con

Torna su