I “big della vela” vogliono le barche a motore: X-Yachts acquisisce HOC Yachts

HOC 33 Explorer

Il mondo delle barche a motore sta andando forte, molto forte. La situazione non è certo sfuggita ad un big delle barche a vela come X-Yachts, cantiere danese con oltre 40 anni di storia, che da oggi avrà una sua “sezione motore” con l’acquisizione di HOC Yachts, svedese.

Le 23 barche a motore migliori del 2019 – CLICCA QUI

X-Yachts e HOC Yachts

Il presidente di X-Yachts Ib Kunøe, appassionato velista, dopo l’acquisizione di HOC Yachts si è definito “on the Powerboat Wave”, cioè pronto a dedicarsi alle barche a motore. Insomma, le “powerboat” stuzzicano anche i grandi del mondo della vela.

Si lavora su due modelli

I primi due modelli in linea, l’Explorer e il Cruiser, sono già pronti per debuttare sul mercato con tutto quello che serve  in una barca a motore. Caratteristica dei modelli è il design moderno e pensato per una barca che deve prima di tutto navigare bene, in sicurezza e con facilità d’uso. Insomma, una fusione tra HOC e X-Yachts per avere barche al top. Per vedere il primo modello bisognerà però aspettare almeno fino al 2021 al Boat Show di Düsseldorf.

Hoc Yachts 

HOC Yachts è un cantiere svedese nato con l’obiettivo di creare barche facili da guidare con una ottima tenuta al mare e che consumino poco. In foto si vede l’HOC 33 Explorer in cui si notano le linee tipicamente “nordiche” che però stanno riscuotendo grande successo anche qui in Mediterraneo.

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Continua a leggere

Aquila 54 è catamarano (16 m) XL con fino a 10 posti letto

A inserirsi nel vivace mercato dei multiscafo a motore, arriva anche il nuovo Aquila 54 Yacht, un catamarano particolarmente versatile in grado di strizzare l’occhio al mondo dei super-yacht. Frutto del lavoro svolto dall’omonima Aquila Boats, questo 54 piedi è

Queste 5 barche sono perfette per vivere a bordo (da 15 a 20 m)

Il richiamo dei grandi spazi aperti, quell’ideale abbandono delle città e della vita frenetica, sembrerebbe essersi fatto più che mai forte. Sogni e fantasie che sempre più spesso si trasformano in realtà, complici le crescenti opportunità di smart-working e il

Torna su