Abbisciare? Avamporto? In ordine alfabetico 20 parole nautiche da sapere

Per andare per mare non bisogna solo essere capaci di condurre una barca, ma bisogna anche conoscere il linguaggio della marineria, una vera e propria lingua.  Ci sono parole essenziali che compongono questo dizionario nautico. Non farti trovare impreparato in banchina: ecco 20 parole da conoscere con la lettera “a”.

  • Abbisciare (ingl. to coil, to range/ fr. lover) 1. Disporre una catena o un cavo ravvolte in spire, affinché sia possibile svolgerla rapidamente. 2. Passare intorno a un cavo un cavo più sottile o una bozza per tenderlo e recuperarlo.
    Abbisciatura sf. 1. Cavo o bozza passato intorno a un cavo più grosso o a una catena. 2. Porzione di catena preparata per dar fondo.
  • Abbozzaménto sm. Tipo di ormeggio che prevede un’ancora di prora e una o due ancore di poppa, in modo che la nave si presenti sempre nella stessa posizione, indipendentemente dall’azione del vento, del mare e delle correnti. Abbozzare (ingl. to stopper/ fr. bosser) 1. Applicare una bozza a un cavo affinché rimanga in forza mentre si da volta alla bitta. 2. Applicare le bozze sulle quali la catena dell’ancora lavora dopo aver dato fondo. Abbrancarsi (ingl. to grip/ fr. agripper) Rimanere impigliato a scogli o altri ostacoli sul fondale (l’ancora).
  • Abbrivare. (dal provenzale abrivar «prendere lo slancio», da briu «impeto, valore»). Mettere in movimento un natante o accelerarne il moto. Abbriva!: comando che si dà per accelerare la voga in un’imbarcazione a remi, o per accelerare il moto di un’imbarcazione a vela poggiando prima di virare in prora, o per incitare l’equipaggio a compiere più rapidamente una manovra.
  • Acceppare. Assicurare l’ancora al bordo dell’imbarcazione per mezzo di una legatura che passi sul ceppo dopo averla salpata.
  • Addugliare o Adugliare (deriv. da duglia, v.). Raccogliere le funi a spire.
  • Afforcare. Ormeggiare un’imbarcazione con due àncore di prua disposte a forca in modo che formino tra loro un angolo compreso tra i 90° e i 120° con la bisettrice diretta nel letto del vento. Si dice anche ormeggiare a barba di gatto. Afforco sm. Ormeggio con due ancore disposte a forca, che limita il brandeggio dell’imbarcazione.
  • Aggottare. (ingl. to bail out/ fr. ecoper) Levare l’acqua accumulatasi sul fondo dell’imbarcazione. Anticamente si provvedeva a questa operazione con un grosso mestolo, detto gottazza, con il quale si riempiva un vaso di legno o di metallo, il gotto.
  • Alléggio o Aléggio sm. (ingl. boat-plug/ fr. nable) 1. Sbarco di tutto o di una parte del carico di una nave per alleggerirla. 2. Pontone o barca usati nei porti per lo sbarco del carico di una nave. 3. Foro praticato sul fondo di un’imbarcazione per scaricarne l’acqua, detto anche allievo.
  • Alzàia. sf. 1. Grossa fune per rimorchiare contro corrente barche e barconi dalla riva di fiumi, canali o navi 2. Via lungo i fiumi e i canali da cui si esegue il rimorchio delle imbarcazioni, detta anche strada alzaia. 3. Cavo per tonneggio o per ormeggio. Alzanèlla sf. Piccolo cavo da tonneggio.
  • Amarra. sf. (dal fr. amarre «ormeggio »). Corda per ormeggiare.
  • Ammanigliare. Unire due spezzoni di catena o di corda facendo passare negli anelli o nei cappi un ferro piegato ad ansa, detto maniglia, che viene poi chiuso unendone le due estremità con un perno. In partic.: unire un cavo o una catena alla cicala dell’àncora o all’anello di una boa d’ormeggio.
  • Ammascare. (deriv. da masca «ciascuna delle parti laterali della prua di un’imbarcazione»). Essere volto di traverso o uscire di rotta per effetto della forza delle onde, del vento o per un errore di manovra.
  • Anca. sf. Arrotondamento della fiancata della nave che forma la poppa, detto anche giardinetto.
  • Andana. sf. (ingl. stern to/ fr. arrière à quai). 1. Fila di navi ormeggiate l’una di fianco all’altra con gli scafi perpendicolari alla banchina; ormeggiarsi in andana: tale modo di ormeggiarsi. 2. Banchina portuale.
  • Angipòrto. sm. 1. La parte più interna e riparata di un porto. 2. Seno di mare molto lungo e stretto.
  • Assommare. 1. v. tr. Portare a galla. 2. v. intr. Salire in coperta, da un ponte inferiore.
  • Assuccare. v. tr. (ingl. to tighten/ fr. serrer) 1. Tesare un cavo venuto in bando, stringere fortemente un nodo. 2. Accostare due oggetti e unirli con legature (per esempio, un’imbarcazione a riva alle proprie gru).Atterràggio sm. (ingl. to landing/ fr. atterrissage) Complesso delle operazioni di una nave per avvicinarsi a terra e attraccare; il punto della costa dove un’imbarcazione attracca.
  • Atterrare. v. intr. Manovrare per far avvicinare a terra la nave e attraccare.
  • Avampòrto. sm. (ingl. outer port/ fr. avant-port) Specchio d’acqua, solitamente protetto da un frangiflutti, antistante il porto vero e proprio, per operazioni di manovra o sosta o per accogliere le navi più grandi.
  • Avvenarsi. v. intr. pronom. Infiltrarsi dell’acqua attraverso gli interstizi del fasciame negli scafi in legno.

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Continua a leggere

Marina Fiera Salone Nautico Genova

Questo sarà il nuovo marina di Genova secondo Renzo Piano

L’area del Salone Nautico di Genova cambia faccia. Nel capoluogo ligure sta nascendo uno dei Marina più belli d’Italia che sulla scia dei marina spagnoli come Barcellona e Valencia punta a ritagliarsi un ruolo di primo piano nel Mediterraneo. Per

Torna su