DF140A, il fuoribordo Suzuki più venduto al mondo: ecco perché

Fuoribordo Suzuki 140 cv
Fuoribordo Suzuki 140 cv

Era il 2001 quando debuttò sul mercato il fuoribordo Suzuki da 140 cavalli, il DF140. Il successo crescente dei fuoribordo e la duttilità di un motore da 140 cavalli ha fatto sì che, negli ultimi cinque anni questo modello, esclusi i 40 cavalli, sia stato il più venduto al mondo dalla casa giapponese, rappresentando il 13% della propria produzione totale.

Fuoribordo Suzuki 140 cv, DF140 è il Suzuki più venduto al mondo

Derivato dal monoblocco in alluminio con architettura 4L del fuoribordo Suzuki DF115 è dotato della tecnologia EFI, l’iniezione elettronica multipoint, la distribuzione DOHC cioè bialbero con 4 valvole per cilindro comandata da catena e non da cinghia, l’albero di trasmissione disassato rispetto all’albero motore (e quindi compatto). Partendo da questa base i tecnici Suzuki hanno continuato a sviluppare questo fuoribordo. Oggi questo motore è dotato di un nuovo piede, capace di spingere eliche di diametro maggiore, da 14”, e di ECM (Engine Control Module), una centralina elettronica di derivazione automobilistica corredata di sensori capaci di monitorare il funzionamento dell’unità termica.

 

ECM, tutto il fuoribordo Suzuki è sotto controllo

Questa centralina elettronica è dotata di diversi sensori:

  • uno di battito, necessario per rilevare e controllare eventuali anomalie nella combustione
  • un sensore all’interno del filtro del carburante, che misura l’eventuale presenza d’acqua avvisando l’utente tramite segnalazioni acustiche e luminose
  • per la pressione di aspirazione
  • per la posizione dell’albero motore
  • sensore della temperatura dell’aria
  • uno per la temperatura delle pareti del cilindro
  • un sensore di posizione dell’albero a camme.

Tra gli upgrade c’è uno dei punti di forza dei fuoribordo Suzuki: il sistema Lean Burn di combustione magra che adegua il rapporto fra aria e benzina nella combustione. In questo modo si riduce la quantità di combustibile e si aumenta quella del comburente, l’ossigeno. Questo garantisce un risparmio di benzina, soprattutto quando si va a velocità di crociera, senza accelerazioni brusche.

Fuoribordo Suzuki 140 cv: piace ai diportisti e ai pescatori

Come ha fatto questo motore fuoribordo a diventare uno dei più venduti al mondo? Il Suzuki DF140A è apprezzato da un’utenza eterogenea: diportisti classici, sia in barca che in gommone, ma anche pescatori. Uno degli elementi più graditi a questa parte di mercato è il Suzuki Trolling Mode System, in grado di fissare l’andamento del minimo motore in situazione di marcia inserita. Da un minimo di 650 giri/min, il numero di giri può risalire fino a un massino di 1.200 giri/min (con una frequenza di 50 in 50 giri/min) per mezzo di un interruttore posto sulla consolle di guida, molto utile per chi fa la traina.

Il 2020 è l’anno giusto per cambiare fuoribordo: ecco perché

NAVIGA INFORMATO!

Per rimanere aggiornato su tutte le news sulla nautica, selezionate dalla nostra redazione, iscriviti alla newsletter di Barche a motore! Basta cliccare il link qui sotto, accettare la Privacy Policy e cliccare sul bottone “Iscrivimi”. Riceverai così sulla tua mail, due volte alla settimana, le migliori notizie di barche a motore! È gratis e ti puoi disiscrivere in qualsiasi momento, senza impegno! CLICCA QUI

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Continua a leggere

Aquila 54 è catamarano (16 m) XL con fino a 10 posti letto

A inserirsi nel vivace mercato dei multiscafo a motore, arriva anche il nuovo Aquila 54 Yacht, un catamarano particolarmente versatile in grado di strizzare l’occhio al mondo dei super-yacht. Frutto del lavoro svolto dall’omonima Aquila Boats, questo 54 piedi è

Queste 5 barche sono perfette per vivere a bordo (da 15 a 20 m)

Il richiamo dei grandi spazi aperti, quell’ideale abbandono delle città e della vita frenetica, sembrerebbe essersi fatto più che mai forte. Sogni e fantasie che sempre più spesso si trasformano in realtà, complici le crescenti opportunità di smart-working e il

Torna su