Capoforte SQ240i (6 m) è la barca elettrica italiana lenta per scelta

Capoforte SQ140i
Capoforte SQ240i

Contro il logorio della vita moderna perché non rilassarsi e navigare piano, a cinque nodi? Pensiamoci, la vita a terra è frenetica che forse, quando si va per mare, vale la pena rallentare, prendere coscienza di quello che si ha intorno, rilassarsi. Roba da velisti? Forse. Di certo questo tipo di diportista, sulle barche a motore, è una novità. Il mercato, però, ci dimostra come una domanda, seppur molto specifica, ci sia già.

Il nuovo Capoforte SQ240i è una barca elettrica di 6 metri, disegnata da Christian Grande, e sviluppata appositamente per questa propulsione già a partire dalle linee di carena. A spingerla c’è anche il primo motore fuoribordo elettrico di Yamaha: Harmo.

Ho provato questo scafo e questa motorizzazione nella laguna di Venezia, per la precisione a Murano. La location non è casuale dato che un’imbarcazione di questo tipo, con le perfomance che offre, risulta particolarmente indicata per le acque interne e la mobilità “cittadina”.

Capoforte SQ140i
Capoforte SQ240i

Capoforte SQ240i – Per chi è pensata

In Italia pensiamo alla Serenissima, ma nel mondo sono varie le città dove la mobilità passa anche sulle acque che le attraversano. A Venezia, con limiti di velocità, teoricamente, a 7 km/h questo mezzo appare quindi come molto adatto.

La barca è stata proprio pensata – spiega Alessandro Russo, Marine division manager di Yamaha Motor – per un utilizzo in una città fluviale o lagunare dove la preservazione dell’ambiente e del patrimonio artistico e culturale è fondamentale. Inoltre, torneremo a Venezia alla prossima edizione del Salone Nautico che, come Yamaha, pone grande attenzione all’ambiente e si fa promotore della propulsione elettrica per la salvaguardia del territorio”.

Capoforte SQ240i

Sull’elettrico, pro e contro, si potrebbe parlare per ore. Tecnologia matura o acerba? Per pochi? Una moda? Una necessità? Ogni posizione ha i suoi punti a favore e i suoi contro. Sta di fatto che il cambiamento in atto nel settore della mobilità non può non coinvolgere la nautica. Non sarà il diporto “elettrico” a risolvere i problemi di inquinamento nel mondo, ma sicuramente anche il nostro segmento è chiamato a fare la sua parte nella transizione verso forme di navigazione sempre più sostenibili.

Capoforte SQ140i
Capoforte SQ240i

Questo Capoforte ha in primis il merito di nascere su un approccio nuovo. Chi comprerà questa barca saprà che la velocità di punta sarà di circa 5 nodi, con un’autonomia di 8 ore a questa velocità. Elogio della lentezza, ma anche possibilità di navigare a lungo ad una velocità costante.

È un test calmo, uno dei più calmi che io abbia mai fatto. Mi muovo a bordo in assoluta tranquillità, il layout di coperta, le condizioni e il tipo di navigazione lo permettono. A bordo, però, non ci si annoia. Certo, tutto dipende dalle aspettative. Se volete un purosangue per correre, qui non rimarrete soddisfatti.

Non è immediato entrare nell’ordine di idee di un’imbarcazione a motore che non fa più di 5 nodi. Pensando ad un mezzo di trasporto per muoversi in un ambiente come quello “urbano”, però, il senso invece c’è, a partire dalla necessità di tutelare anche l’ambiente circostante (non solo in termini di emissioni) come nel caso di Venezia. A questo bisogna aggiungere come silenziosità e assenza totale di vibrazioni portino il comfort ad un livello superiore.

Il comando dello scafo, poi, grazie anche al joystick di Yamaha è molto semplice e ogni manovra diventa facilmente gestibile. Si può utilizzare il joystick, per esempio, anche direttamente per navigare e non solo in fase d’ormeggio. Il fuoribordo Harmo di Yamaha mostra un’affinità totale con questo strumento di controllo con cui basta una mano per navigare.

Volante e manetta restano comunque la primaria modalità di governo e, date le caratteristiche dello scafo, non fanno sentire troppo la necessità del joystick.  

Capoforte SQ240i – Performance

Pensata con una carena fatta apposta per questo tipo di propulsione, come dicevamo, sviluppa una top speed di circa 5 nodi con due batterie da circa 400 Ah, ampere-ora, ciascuna e quindi 800 Ah totali. In pratica, se il consumo del mio motore (Harmo Yamaha da 3,7 kW con tecnologia Rim-Drive) è di 80 ampere a 5 nodi con due batterie da 400 Ah ciascuna potrò navigare per circa dieci ore consecutive.

I dati, in accordo con quelli forniti dalla strumentazione durante il rilevamento, sono espressi in km/h. Non è stata fatta nessuna conversione per mantenere esattamente gli stessi numeri che sono stati raccolti.

Giri Velocità Consumi
200 3.1 km/h 2 amp
350 4.4 km/h 5 amp
450 6.0 km/h 11.5 amp
550 7 km/h 18 amp
650 8 km/h 30 amp
750 8.6 km/h 42 amp
850 9.8 km/h 60 amp
950 10.4 km/h 81 amp

A proposito del fuoribordo Harmo Yamaha

Il motore è dotato di una tecnologia RIM-drive per una propulsione elettrica più efficiente, se confrontato con un’elica delle stesse dimensioni. Il motore elettrico, di fatto, è montato intorno al bordo esterno dell’elica, consentendo una maggiore spinta a velocità inferiori rispetto agli equivalenti motori tradizionali.

Harmo può essere utilizzato per spingere imbarcazioni di dimensioni già “notevoli” ed è stato testato su barche fino a 6,4 metri circa.


NAVIGA INFORMATO!

Per rimanere aggiornato sulle news di nautica selezionate dalla nostra redazione, iscriviti alla newsletter di Barche a motore! Basta cliccare il link qui sotto, accettare la Privacy Policy e cliccare sul bottone “Iscrivimi”. Riceverai così sulla tua mail, due volte alla settimana, le migliori notizie di barche a motore! È gratis e ti puoi disiscrivere in qualsiasi momento, senza impegno! CLICCA QUI

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

1 commento su “Capoforte SQ240i (6 m) è la barca elettrica italiana lenta per scelta”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Continua a leggere

Apreamare Gozzo 35 - Walkaround

Questi sono i 9 walkaround top del 2022 (da 9 a 15 m)

Chi vuole una barca aperta oggi non può non confrontarsi con i walkaround. Hanno le coperte più vivibili del mercato, sono pensate per chi ama stare intere giornate a bordo tra relax e momenti conviviali, ma non solo. Sottocoperta alcune

Marina Fiera Salone Nautico Genova

Questo sarà il nuovo marina di Genova secondo Renzo Piano

L’area del Salone Nautico di Genova cambia faccia. Nel capoluogo ligure sta nascendo uno dei Marina più belli d’Italia che sulla scia dei marina spagnoli come Barcellona e Valencia punta a ritagliarsi un ruolo di primo piano nel Mediterraneo. Per

Torna su