Bluegame costruirà una barca a idrogeno (50 nodi) per la Coppa America

Bluegame BGX60
Bluegame BGX60 – Uno dei modelli della gamma Bluegame

La Coppa America è la vetta tecnologica della vela, ma non solo. Da quest’edizione il defender Emirates Team New Zealand, vincitore dell’ultima edizione della Coppa, vuole portare l’idrogeno a bordo delle barche appoggio alle barche a vela della coppa. La regola prevede ora quindi che si realizzi un’imbarcazione ad idrogeno (dotata di foil) per ogni team in Coppa America come support vessel. Ora è la volta degli statunitensi di American Magic che hanno trovato l’accordo con l’italiana Bluegame, brand di Sanlorenzo.

Bluegame: la barca a idrogeno per la Coppa America

Vi avevamo parlato della barca ad idrogeno di Team New Zealand. Ora è Bluegame ad annunciare la collaborazione con il New York Yacht Club e American Magic, challenger nella 37ma edizione della Coppa America che si terrà a Barcellona nel 2024. L’accordo si basaa sulla progettazione e realizzazione della prima “chase boat” ad idrogeno, secondo i rigidi requisiti del Protocollo della manifestazione.

Dal punto di vista progettuale si stratta di un progetto difficile e pionieristico: la barca dovrà essere lunga al massimo 10 metri, arrivare a 50 nodi e avere un’autonomia di 180 miglia. Tutto questo abbinato obbligatoriamente ad una propulsione ad idrogeno su un’imbarcazione dotata di foil.

I punti di forza di Bluegame

Perché Bluegame per costruire una barca ad idrogeno con i foil per una regata? Partiamo col dire che Luca Santella, fondatore del marchio Bluegame e oggi a capo della strategia di prodotto di Bluegame, è un ex-velista professionista. Conosce quindi le esigenze di chi naviga a vela ad alto livello e sicuramente ha una sensibilità migliore nel capire quelle che possono essere le esigenze di un’unità di appoggio per una regata come la Coppa America.

Oltre a questo l’idrogeno, novità relativamente recente nei sistemi propulsivi nautici, soprattutto nel diporto, è un ottimo banco di prova per Bluegame in questo segmento. In questo senso Sanlorenzo ha siglato un accordo, un anno fa, con Siemens Energy per la realizzazione del primo Superyacht di 50 metri con generazione elettrica tramite idrogeno e Fuel Cell. Il varo è previsto per il 2024, ma nel frattempo il duplice sforzo in questa direzione punta a posizionare il gruppo in avanti su questa tecnologia. L’obiettivo è molto probabilmente quello di acquisire un know how importante da poter poi declinare anche nel diporto.


ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Per rimanere aggiornato su tutte le news sulla nautica, selezionate dalla nostra redazione, iscriviti alla newsletter di Barche a motore! Basta cliccare il link qui sotto, accettare la Privacy Policy e cliccare sul bottone “Iscrivimi”. Riceverai così sulla tua mail, due volte alla settimana, le migliori notizie di barche a motore! È gratis e ti puoi disiscrivere in qualsiasi momento, senza impegno! CLICCA QUI

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Continua a leggere

Marina Fiera Salone Nautico Genova

Questo sarà il nuovo marina di Genova secondo Renzo Piano

L’area del Salone Nautico di Genova cambia faccia. Nel capoluogo ligure sta nascendo uno dei Marina più belli d’Italia che sulla scia dei marina spagnoli come Barcellona e Valencia punta a ritagliarsi un ruolo di primo piano nel Mediterraneo. Per

Aquila 54

Aquila 54 è catamarano (16 m) XL con fino a 10 posti letto

A inserirsi nel vivace mercato dei multiscafo a motore, arriva anche il nuovo Aquila 54 Yacht, un catamarano particolarmente versatile in grado di strizzare l’occhio al mondo dei super-yacht. Frutto del lavoro svolto dall’omonima Aquila Boats, questo 54 piedi è

Torna su