TEST Nuovo Beneteau Flyer 10 con due Suzuki da 350 cavalli

 Flyer 10 by Beneteau

L’ammiraglia della nuova generazione Flyer di Beneteau è un open puro sotto i 10 metri, quindi natante in Italia, che tenta di coniugare i grandi volumi interni con un look da sportiva. L’abbiamo provato a Port Ginesta, in Spagna, con 2 fuoribordo Suzuki da 350 cavalli: i DF350A.

Beneteau Flyer 10: test dell’ammiraglia

È in linea con il trend che vede gli armatori ricercare imbarcazioni che sappiano restituire i comfort di casa, anche fuori dal mondo dei “trawler”, cioé di quelle barche che nascono per viaggiare.

Ha un design “muscolare” e solido, ma filante, che non è solo estetica, come dimostra la motorizzazione che possiamo installare a poppa. Un range che oscilla da 600 a 700 cavalli, divisi tra due fuoribordo, che permettono al Flyer 10 di navigare in tutta tranquillità a oltre 40 nodi di velocità massima (con un consumo di circa 220 litri/ora) mantenendo maneggevolezza e facilità d’uso.

 Flyer 10 by Beneteau

A bordo

Partendo da poppa, si sale passando attraverso due spiaggette “esterne” allo scafo, poste sui lati del motore, che aiutano a ritornare a bordo sia in questa fase, sia quando si va a fare il bagno. Da destra si accede al pozzetto, dove troviamo un passaggio “obbligato”, con a destra una cucina all’aperto con frigorifero, lavandino e gavoni, mentre a sinistra il tavolo con divano a “L”.

 Flyer 10 by Beneteau

Questa soluzione presenta dei vantaggi in un uso crocieristico estivo della barca, soprattutto per la vicinanza con la postazione dove si prepara da bere e da mangiare. Proseguendo, arriviamo al passaggio che conduce alla timoneria,alla prua e sottocoperta. Nella configurazione in cui abbiamo provato la barca, è stato molto positivo l’impatto con la timoneria e, più in generale, con la plancia, dove è presente una doppia seduta.

 Flyer 10 by Beneteau

Sul Flyer 10 testato avevamo davanti agli occhi un grande schermo Garmin, che permetteva di tenere tutti i dati sotto controllo, dalla velocità ai consumi, in modo chiaro e veloce.

Il parabrezza è ben pensato e, oltre a conferire un aspetto più “aggressivo” alla barca, ripara bene dal vento anche alle alte velocità, oltre a dividere la parte centrale della barca dalla zona prendisole di prua, su cui torniamo tra poco.
A sinistra della timoneria troviamo un’altra seduta, con cui anche più persone possono rimanere vicino allo skipper mentre
si naviga, tendenza che si sta andando ad affermare su tutte le barche a motore di nuova generazione; della serie: “skipper, non sarai più solo!”. Di fronte alla seduta più a sinistra troviamo l’unico accesso al grande prendisole di prua a tre posti, con un camminamento tutto intorno e il gavone per l’ancora. Non c’è passauomo dalla coperta nella zona prendisole di prua e la cabina sottostante.

Sottocoperta

Vi si arriva attraverso un portellone a scorrimento; verso prua c’è uno spazio che funziona sia da cabina letto, sia da salone, e che può essere totalmente separato dal resto della barca con una tendina a scomparsa. Colpisce sicuramente il volume di questo vano, sia in larghezza, sia in altezza, e la sua modularità, soprattutto se si considera che lo scafo è lungo meno di dieci metri. Due sottili finestrature sullo scafo consentono alla luce di entrare in questa zona della barca, anche se a questo provvede principalmente il portellone.

 Flyer 10 by Beneteau

Verso poppa, sulla destra delle scale, è posizionato l’accesso alla cabinetta doppia per gli ospiti, che risulta molto luminosa grazie alle finestrature grandi e rettangolari ricavate nella tuga tra il portellone e il passavanti. Tra le due cabine troviamo due porte verso bagno e box doccia, separati, grazie ai quali poter vivere anche qualche giorno di crociera senza rinunciare a niente.

 Flyer 10 by Beneteau

In navigazione

Abbiamo provato questa barca nelle acque di Port Ginesta, vicino a Barcellona, in Spagna, in condizioni di poco vento e onda lunga. Nella configurazione testata con due motori fuoribordo da 350 cavalli Suzuki, il Beneteau Flyer 10 si è dimostrato un bel bolide divertente, con cui abbiamo toccato 43 nodi di massima per un consumo di 220 litri/ora complessivi.

 Flyer 10 by Beneteau

Se andare forte può essere divertente, a interessare molto è la velocità di crociera: quella ideale per questa barca è intorno ai 25-27 nodi con i due DF350A di Suzuki a 4000 giri e con un consumo di circa 90 litri/ora (durante la prova a bordo c’erano 6 persone ed il serbatoio era a metà). La prua, complice l’ampio volume degli interni di cui si parlava prima, rimane sempre un po’ alta prima della planata in cui la barca inizia a entrare a circa 12 nodi.

https://www.facebook.com/motorboatsmag/videos/1095356250804890/?modal=admin_todo_tour

Dalla plancia si ha una buona visuale su ciò che circonda la barca. Sull’onda, ad alte velocità, lo scafo rimane tutto sommato asciutto, a parte qualche goccia. L’ammiraglia Flyer è una barca semplice da manovrare, ideale per il diporto, morbida nell’impatto sulle onde e ben equilibrata come potenza. Nelle curve più strette tende a scarrocciare un po’, ma rimanendo sempre perfettamente in controllo. Nonostante la grande potenza a poppa si dimostra una barca facile da condurre e quindi adatta a tutti i tipi di diportista.

Scheda tecnica della barca: Beneteau Flyer 10

  • Dimensions: Loa 9.98m
  • B.max 3.32m
  • Displ.: 5.6 t
  • Cabine (cabins): 2 cabins
  • Motore (engine): 2 x 350 HP Outboard
  • Velocità max (maximum speed): 43 knots
  • Serbatoio carburante (Fuel tank): 2 x 400 l
  • Prezzo base (basic price): 95.120 euro
  • Contact: www.beneteau.com

I risultati completi della prova su Barche a Motore N.11 in edicola

 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Sei già abbonato?

In evidenza

Può interessarti anche

Galeon 440 Fly al boot di Düsseldorf 2023

Galeon presenta al boot di Düsseldorf il nuovo 440 Fly

Galeon Yachts, cantiere polacco, oggi tra i più importanti costruttori al mondo, con oltre 1400 dipendenti e uno stabilimento di 36 000 metri quadri, ha presentato al boot Düsseldorf il suo nuovo 440 Fly. Fondato nel 1982, Galeon consolida con

Torna su