Barche elettriche, sì o no? Ecco gli undici vantaggi

Hinckley Dasher
Barche elettriche – Hinckley Dasher

Barche elettriche, sì o no? Sono sempre di più i cantieri che puntano sull’elettrico e su soluzioni improntante in questo senso. Nel numero cartaceo di Barche a Motore N. 10 (abbonati ora!) abbiamo approfondito l’argomento: qui vi riassumiamo gli 11 vantaggi di una barca a motore.

Barche elettriche, sì o no? Ecco gli undici vantaggi

1. Più fonti di ricarica

Rete elettrica, sole, acqua, vento, celle a combustibile, generatori… il motore a scoppio, invece, ha solo un combustibile utilizzabile.

2. Autonomia sufficiente

Le 300 miglia di raggio garantite già oggi da molti modelli soddisfano quello che è l’uso tipico della barca a motore.

3. Senza limiti

Non hanno divieti di navigazione nelle zone proibite ai motori a scoppio, come le aree marine protette. Barche a energia solare, come i catamarani Silent Yachts, hanno un’autonomia pressoché infinita.

4. Batterie sottili

Gli accumulatori slim, sviluppati da alcune aziende e derivati dall’automotive, possono essere sistemati sul fondo dello scafo in posizioni strategiche per bilanciare la barca e offrono grande potenza in spazi ridotti.

5. Infrastruttura già presente in banchina

Le barche elettriche hanno già la loro colonnina di ricarica, in ogni marina: sono le colonnine dell’elettricità in banchina. Andrebbero potenziate per ridurre i tempi di ricarica.

6. Silenzio

Navigare in silenzio, come fanno le barche a vela, e senza il rumore dei motori è un vantaggio impagabile che va provato almeno una volta nella vita.

7. Zero impatto

Le centrali elettriche a terra sono soggette a controlli ambientali molto più severi rispetto alla media dei motori marini diesel
o fuoribordo. Con l’acquisto di elettricità verde è possibile far funzionare le imbarcazioni elettriche utilizzando energia sostenibile o rinnovabile.

8. Flessibili e adattabili

Alcuni pannelli solari o fotovoltaici sono adatti a superfici leggermente curve e possono essere ordinati in forme e dimensioni insolite per essere integrati armonicamente nel progetto.

9. Meno peso, più spazio

Le batterie più pesanti e ingombranti (le tradizionali a piombo-acido) non sono più gravose sul dislocamento del peso e dell’ingombro del motore diesel, dei serbatoi e degli accessori che la propulsione elettrica sostituisce.

10. Senza trasmissione

I motori elettrici possono evitare la trasmissione e gli ingranaggi di collegamento per trasferire la potenza del motore all’elica. Si può sistemare motore ed elica in un pod, che serve anche per manovrare potendo ruotare sul proprio asse.

11. Entrobordo o fuoribordo?

La scelta per l’armatore è identica a quella data dai motori tradizionali. Come potenza, in prodotti di serie, ormai si arriva a 30 cavalli (22 kW) per un fuoribordo e 100 cavalli (74kW) per un entrobordo.

NON PERDERTI I MIGLIORI ARTICOLI! 

Per rimanere aggiornato su tutte le news sulla nautica, selezionate dalla nostra redazione, iscriviti alla newsletter di Barche a motore! Basta cliccare il link qui sotto, accettare la Privacy Policy e cliccare sul bottone “Iscrivimi”. Riceverai così sulla tua mail, due volte alla settimana, le migliori notizie di barche a motore! È gratis e ti puoi disiscrivere in qualsiasi momento, senza impegno! CLICCA QUI

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

3 commenti su “Barche elettriche, sì o no? Ecco gli undici vantaggi”

  1. Buongiorno.. Ho una barca a vela 13 mt x 4 con propulsione sail Drive alla quale vorrei sostituire l’ attuale Motore.. Vorrei un preventivo per la sostituzione con uno di ultima generazione.. Grazie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Continua a leggere

Aquila 54 è catamarano (16 m) XL con fino a 10 posti letto

A inserirsi nel vivace mercato dei multiscafo a motore, arriva anche il nuovo Aquila 54 Yacht, un catamarano particolarmente versatile in grado di strizzare l’occhio al mondo dei super-yacht. Frutto del lavoro svolto dall’omonima Aquila Boats, questo 54 piedi è

Queste 5 barche sono perfette per vivere a bordo (da 15 a 20 m)

Il richiamo dei grandi spazi aperti, quell’ideale abbandono delle città e della vita frenetica, sembrerebbe essersi fatto più che mai forte. Sogni e fantasie che sempre più spesso si trasformano in realtà, complici le crescenti opportunità di smart-working e il

Torna su