Fenomeno barca in gestione: cos’è e perché è sempre più frequente

La barca in gestione è un fenomeno enorme. La prova? Il super gruppo Brunswick Corp, di cui fanno parte tra gli altri anche Boston Whaler e Mercury, ha appena portato a termine l’acquisizione del Freedom Boat Club con cui il colosso si vuole garantire una presenza immediata su  larga scala e sul mercato in un segmento di proprietà condivisa in rapida crescita. Questa operazione di mercato dimostra l’importanza e il potenziale delle barche in gestione.

Le 23 barche migliori (per 5 categorie) del 2019

Barca in gestione: un fenomeno enorme

Fondato nel 1989, il Freedom Boat Club (FBC) è considerato il più grande operatore di club nautico del settore, con 170 sedi di proprietà o in franchising negli Stati Uniti, in Canada e in Europa. L’organizzazione vanta più di 20.000 membri e una flotta di quasi 2.200 imbarcazioni.

Il colosso Brunswick ha acquisito il Freedom Boat Club di Venice, con sede in Florida. In questo modo il gruppo entra da protagonista nel mondo delle barche in gestione. Le condizioni dell’operazione, che dovrebbe concludersi nel secondo trimestre del 2019, non sono state rese note.

Barca in gestione: cos’è e perché è sempre più diffusa

Grazie al continuo incremento della scelta della barca a noleggio per le vacanze, il fenomeno delle “barche in gestione” sta conquistando, con una velocità impressionante, il favore di chi vuole acquistare una barca e di chi la noleggia. Come funziona il meccanismo della “barca in gestione”?

COME FUNZIONA
In sintesi, un armatore acquista una barca che da in gestione ad una società di noleggio che gli garantisce una rendita per un certo numero di anni, ricavata dall’affitto della sua barca. L’armatore può usufruire della sua bene in determinati periodi e non ha addebitato alcun costo né onere di gestione e di ormeggio.

Al termine dell’accordo tra proprietario e società di gestione, la barca torna nella disponibilità dell’armatore che decide se venderla o tenersela. I vantaggi per l’armatore sono tanti, non si deve occupare della barca, con il ricavato dalla gestione può ripagarsi le rate del leasing, utilizza la barca quando vuole.

I VANTAGGI PER CHI NOLEGGIA
Sono certi anche i vantaggi per la società di noleggio che non deve finanziare l’acquisto, ma fare il suo mestiere: farla rendere affittandola più settimane possibili nell’arco di un anno. Ma anche chi noleggia ha dei vantaggi: queste barche sono spesso meglio attrezzate, più nuove, modelli di maggior prestigio rispetto ad una barca adibita solo al noleggio.

Questo perché la barca è di proprietà di un armatore che la attrezza (e la sceglie) anche per un uso personale. Questi sono i meccanismi e i vantaggi di cui beneficiano i tre soggetti in causa: armatore, società di noleggio, soggetto che noleggia la barca.

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

3 commenti su “Fenomeno barca in gestione: cos’è e perché è sempre più frequente”

  1. Mi potete indicare alcune società che effettuano questo tipo di servizio per barche a motore dai 10 ai 15 metri?
    Grazie.

  2. Buongiorno, sarebbe possibile avere un elenco di societa’ che forniscono questo tipo di servizio per barche fino a 15mt? Grazie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Continua a leggere

Aquila 54 è catamarano (16 m) XL con fino a 10 posti letto

A inserirsi nel vivace mercato dei multiscafo a motore, arriva anche il nuovo Aquila 54 Yacht, un catamarano particolarmente versatile in grado di strizzare l’occhio al mondo dei super-yacht. Frutto del lavoro svolto dall’omonima Aquila Boats, questo 54 piedi è

Queste 5 barche sono perfette per vivere a bordo (da 15 a 20 m)

Il richiamo dei grandi spazi aperti, quell’ideale abbandono delle città e della vita frenetica, sembrerebbe essersi fatto più che mai forte. Sogni e fantasie che sempre più spesso si trasformano in realtà, complici le crescenti opportunità di smart-working e il

Torna su