Vendono all’asta questo Riva Aquarama del 1967

La poppa di BACI, Riva Aquarama n. 194
La poppa di BACI, Riva Aquarama n. 194

Lunedì 9 gennaio il tribunale di Como bandirà all’asta BACI, un Riva Aquarama, vera e propria icona del design e dell’eccellenza della nautica italiana. Lanciato nel 1962 dal Cantiere di Sarnico, che quest’anno ha compiuto 180 anni – celebrati con il lancio di Riva Anniversario, un motoscafo in edizione limitata a soli 18 pezzi che si ispira alle linee dell’Aquarama – questo motoscafo è l’evoluzione del runabout Riva Tritone degli anni ’50. Un’imbarcazione mitica, fuori produzione dal 1996, della cui storia vi abbiamo parlato il mese scorso.


Questo articolo potrebbe interessarti

Sessant’anni fa nasceva la barca più bella di sempre. È il Riva Aquarama


Riva Aquarama seconda serie

BACI è un Aquarama seconda serie, scafo n. 194, uscito nel 1967 dal Cantiere di Sarnico. Gli Aquarama seconda serie, costruiti a partire dal 1966, si differenziano rispetto alla prima per una maggiore lunghezza dello scafo di 8,25 metri e una doppia motorizzazione Riva di derivazione Crusader da 220 cavalli ciascuno, che sostituisce i due V8 Chris Craft modello 283 da 185 cavalli.

 


Questo video potrebbe interessarti


Questo Aquarama andrà all’asta dopo essere stato oggetto di un pignoramento nel 2020 e aver passato diversi anni a terra presso il cantiere Ernesto Riva di Maslianico, sul lago di Como. BACI, nonostante sia stato custodito dal cantiere correttamente al coperto e su invasatura originale, è da anni in uno stato di totale abbandono. Prima di rimetterlo in acqua sarà necessario un notevole intervento di ripristino e rimessa in servizio, tra cui la sostituzione della murata di dritta danneggiata seriamente.

Un Aquarama all’asta

Il prezzo base d’asta è di 180.000 euro, all’apparenza un’ottima offerta rispetto alle quotazioni medie degli Aquarama che si aggirano intorno ai 400.000 euro. La bassa quotazione è dovuta al principalmente alla presenza di una motorizzazione non originale installata a bordo, che ne riduce l’appetibilità rispetto al valore che deriva dall’esclusività di una tale imbarcazione.

Aquarama all’asta: i motori

I motori, due Chris Craft 283 da 185 cavalli (quelli della prima serie), non sono gli originali con cui è nato questo scafo. Come documentato dagli archivi storici di Riva, BACI nasce con a bordo due Riva V8 da 220 cavalli. Un dettaglio non indifferente considerato che questa scelta, oltre a far perdere l’originalità della barca, incide negativamente sulle performance della carena. Infatti, la carena degli Aquarama seconda serie, a partire dallo scafo 174, era stata riprogettata e ottimizzata per dare il meglio con la motorizzazione da 220 cavalli.

I due V8 Chris Craft 283 da 185 cavalli
I due V8 Chris Craft 283 da 185 cavalli

NAVIGA INFORMATO!

Per rimanere aggiornato su tutte le news sulla nautica, selezionate dalla nostra redazione, iscriviti alla newsletter di Barche a motore! Basta cliccare il link qui sotto, accettare la Privacy Policy e cliccare sul bottone “Iscrivimi”. Riceverai così sulla tua mail, due volte alla settimana, le migliori notizie di barche a motore! È gratis e ti puoi disiscrivere in qualsiasi momento, senza impegno! CLICCA QUI

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

2 commenti su “Vendono all’asta questo Riva Aquarama del 1967”

  1. I Riva con motori originali, o no, non conta! È il nome che conta, l’assemblaggio, la cura, l’amore che ling. Riva infondeva, x queste opere d’arte, hanno impresso nel mondo il marchio. RIVA É ITALIANITÀ, GUSTO, FORME, MATERIALI, ARTE!!
    Che scrivere di più, non ho mai potuto comprarlo, me lo sono costruito, modellino!
    “chi si accontenta gode”!!!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Sei già abbonato?

In evidenza

Può interessarti anche

Torna su